Lavorazione & Storia

La nostra azienda ritira il prodotto essiccato direttamente dalla Norvegia.

Per la lavorazione ci sono diversi passaggi da rispettare.

Per prima cosa si lascia lo stocco per un giorno intero in acqua molto fredda in maniera che si

ammorbidisca un po, il giorno successivo si procede ad aprire lungo la spina dorsale lo stocco

togliendo così tutta la spina per intero e la pancia dello stocco meglio conosciuta come

ventresca o ventricella, dopodiché, si rimette in acqua cambiando la stessa una volta al giorno

per 15-18 giorni.

Dopo questa fase il prodotto è pronto per la vendita.

Meno difficoltoso il baccalà che non necessita di tutta questa lavorazione in quanto una volta

pescato viene aperto e pulito e poi messo sotto sale, quindi basta lasciarlo in acqua 5-6 giorni

cambiando la stessa una volta al giorno per avere il prodotto pronto alla vendita.

La Conservazione

Lo stoccafisso viene preparato immediatamente dopo la cattura.

Dopo averlo decapitato e pulito,viene essiccato intero,il pesce,viene quindi messo su dei

supporti e lasciato all’aria aperta da febbraio a maggio.

Il clima freddo e secco tipico di quei mesi nella penisola scandinava è ideale per un ottima

essiccazione. Molto importante durante questa fase e che i merluzzi non vengano a contatto tra di loro,pena

la formazione di macchie che ne ridurrebbero la qualità.

Altra fase importante dopo l’essiccazione è la selezione dove si arriva a suddividere fino a 30

categorie.

Ad oggi lo stocco considerato migliore è quello proveniente dalle isole Lofoten Dove si

pescano merluzzi della specie Gadus Morhua.

Storia

Lo stoccafisso è l’ alimento costituito dal merluzzo artico norvegese(gadus morhua)

conservato per essiccazione.

In Calabria viene chiamato Stocco ed è particolarmente legato alla città dello stretto dal tempo

dei normanni,rimasto nella tradizione dopo il terremoto del 1908 dopo i soccorsi umanitari

della Norvegia sullo stretto. Stesso prodotto ma con metodi di essiccazione differenti è il baccalà che invece per essere

conservato viene messo sotto sale.